http://marketinglegale.it/images/studio-legale-avvocati.jpg

Tag:studio avvocato medico legale atto di citazione responsabilitĂ  medica

Powered by Tags for Joomla

avvocato malasanitĂ  | danno errore medico

avvocati penalisti | errori medici | casi di malasanitĂ  | colpa medica

Un altro fattore di responsabilità professionale è identificabile nella mancanza di consenso informato, a proposito della congiuntura che l’odontoiatra ha sottomesso l’utente all’applicazione di una protesi parziale superiore con un metodo specifico, una volta accertata l’inattuabilità della cura dapprima stabilita, risoluzione affatto decisa con la cliente né tanto meno essa fu avvisata del cambiamento della metodologia operativa.

errori medici | diritto penale | responsabilitĂ  civile medica

Dunque il consenso – nella fattispecie presupposto necessario di validità dell’azione medica poiché l’operazione non costituiva un episodio inevitabile per la tutela della salute o dell’esistenza della cliente – è del tutto assente e non può assolutamente essere considerato attivo e idoneamente concesso per il semplice fatto che la cliente abbia firmato il costo (firma che non va assolutamente ritenuta come tesa a provare il valido avviso sulle tecniche della cura da intraprendere) né per il semplice fatto che alla cliente fu dato un formulario non sottoscritto né convalidato del tutto complessivo che non include né il nome della cliente né la tipologia di terapie che la medesima avrebbe dovuto affrontare.

casi di malasanitĂ  | risarcimento danni morali non patrimoniali

Ad ogni modo, la sottoscrizione di un presumibile formulario pre-elaborato non può mai essere un documento formale, funzionale principalmente a predeterminare una comunicazione di dispensa di colpa; la firma di quei formulari dovrebbe al contrario rappresentare la fase conclusiva, di controllo e riflessione del particolare iter di informazione che lo specialista avrebbe dovuto attuare per dare coscienza e informazione alla cliente circa la scelta che sarebbe stata fatta acconsentendo alla terapia. (Trib. Milano, 18 giugno 2003, in Giustizia a Milano, 2003, 51).

colpa medica | avvocati malasanitĂ  | casi di malasanitĂ  | diritto sanitario

Il diritto dell’utente di manifestare un consenso informato all’operazione, con totale coscienza in merito al peso in termini percentuali di complicazioni e risultati benefici collegati a questa specie di operazione, si deduce dagli artt. 13 e 32, comma 2, Cost. (Trib. Milano, 23 maggio 2003, in Giur. milanese, 2003, 429).

diritti del pazienti | diritto sanitario | avvocato penalista | errore medico

L’obbligo probatorio del non avvenuto adempimento all’obbligo di avviso da parte dello specialista (consenso informato) grava sull’utente, che proceda sul piano giudiziale per conseguire la dichiarazione di responsabilità del medico. (Trib. Napoli, 12 ottobre 2001, in Giur. napoletana, 2002, 36).

danni errori medici | avvocato malasanitĂ  | morte del paziente | risarcimento danni

In un contesto di non emergenza ognuno uno ha il diritto all’autodecisione accettando le opzioni che considera più adeguate alle proprie necessità, potendo perfino decidere di non iniziare terapie, ed in tal caso il medico non può operare senza aver avuto anticipatamente un idoneo consenso informato ed è responsabile di un reato doloso qualora operi in modo non autorizzato. Dunque, é responsabile – come minimo – dell’illecito di sopruso privato il medico che agisca senza che l’utente abbia concesso un consenso informato, eccetto la successiva implicazione anche alla luce dell’art. 586 c.p., se l’operazione abbia effetti negativi o almeno nocivi per l’utente. (Trib. Palermo, 25 luglio 2001, in Giur. merito, 2002, 506).

Va ammesso, quindi, che il rapporto che si consolida tra l’ente sanitario e l’utente implica una relazione di natura negoziale, sebbene basata sul mero legame sociale, pertanto, in virtù della disposizione stabilita dall’articolo 1218 c.c., l’utente ha l’obbligo di allegare l’inadeguatezza dell’osservanza e non, al contrario, la responsabilità — né la sua serietà — da parte dell’ente ospedaliero, laddove è compito della parte opposta la prova della non attribuibilità dell’inosservanza (App. Perugia, 28 ottobre 2004)

hai sofferto un danno da errore medico o malasanitĂ  e vuoi il giusto risarcimento dei danni? contatta la nostra equipe formata da avvocati,  medici legali ed specialisti in errori nei interventi chirurgici, risarcimento danni da errori farmacologici, errori medici gravi come causa di morte, mancata chance di guarigione e invaliditĂ , malasanita,  risarcimento danno estetico da errato intervento chirurgico o chirurgia plastica (danno all' immagine), morte del paziente, colpa medica, comportamento doloso del medico, errore medico in pronto soccorso, diritti del malato e vittime di errori medici, malasanitĂ , trasfusione sbagliata, ritardo diagnosi errata cancro, tumori, mesotelioma, lesioni e morte del neonato amniocentesi, danni e morte del feto e madre in parto cesareo, vieni a trovarci nella tua cittĂ , le nostre sedi sono a Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Catania, Venezia, Verona, Messina, Padova, Trieste, Brescia, Taranto, Prato, Parma, Reggio Calabria, Modena, Reggio Emilia, Perugia, Livorno, Ravenna, Cagliari, Foggia, Rimini, Salerno, Ferrara, Sassari, Siracusa, Pescara, Monza, Latina, Bergamo, Forlì, Giugliano in Campania, Trento, Vicenza, Terni, Novara, Bolzano, Piacenza, Ancona, Arezzo, Andria, Udine, Cesena, Lecce.